index
Tutori Rizoartrosi
11 giugno 2018
www.fisiologik.it Silvia Zanichelli 2 (1)
Yoga Prāṇāyāma: effetti sulla salute
15 giugno 2018

Silvia studia e pratica yoga da 20 anni.

Dopo una prima laurea in Lingue e Letterature Straniere e un’attività professionale che la porta prima a viaggiare in Cina come referente dell’Università di Bologna e successivamente ad occuparsi, in qualità di CEO, di una società di nanotecnologie, ha deciso di dedicarsi completamente alla pratica dello yoga.

 

Una naturale propensione per il linguaggio l’ha portata ad esplorarne i diversi approcci, in particolare quello del corpo, sperimentando diversi stili di Haṭha Yoga (Parinama, Asthanga, Anusara) fino alla danza Bharatanatyam del sud dell’India.

 

Attualmente è iscritta al secondo anno della Laurea Magistrale in Scienze Storiche e Orientalistiche presso l’Università di Bologna dove approfondisce lo studio del pensiero filosofico dell’India e della lingua sanscrita.

 

Studia regolarmente con i più autorevoli insegnanti del panorama europeo e internazionale. In Italia approfondisce con regolarità il metodo Anusara con Piero Vivarelli mentre, tra Asia ed Europa, sotto la guida di Tara Judelle e del dr. Scott Lyons, si dedica all’approfondimento del Prāṇāyāma, della meditazione e allo studio di varie discipline somatiche, come il Body-Mind Centering, all’improvvisazione corporea, e alle loro interazioni con lo yoga.

 

ILBZ3346

 

Nel 2016 fonda l’associazione UMĀ YOGA e presso FISIO LOGIK conduce corsi rivolti sia a principianti sia a coloro che hanno già una pratica consolidata di Haṭhayoga, con l’ulteriore intento di offrire continuità ad un percorso di cura o un’integrazione ad esso.

 

Contattaci per saperne di più!

 

Silvia, cosa ti ha portato a decidere di diventare insegnante Yoga?

In modo molto naturale, sono confluiti nella mia vita due elementi: una profonda passione per la disciplina dello yoga che mi accompagna da 20 anni e una naturale propensione alla condivisione.

Insegnare non è una condizione statica; non è qualcosa che si decide dall’oggi al domani, bensì un processo che non ha mai fine.

Quando insegno l’emozione più forte che provo è la condizione di piena libertà, che vedo manifestarsi anche nei miei studenti.

 

 

Quali pensi siano i punti di forza e di debolezza nello Yoga?

Il punto di forza principale dello Yoga è certamente il fatto di essere una disciplina che si sperimenta su di sé.

Nel senso che nessun altro può raccontarci com’è, ma in primis si tratta di un’esperienza personale che coinvolge tanti e profondi livelli della nostra esistenza: non solo quello esclusivamente fisico, ma anche etico, morale, intellettivo.

Per di più esiste ormai una vasta letteratura scientifica che comprova i molteplici benefici dello yoga praticato con costanza e regolarità.

Il punto di debolezza (aggiungo non intrinseco dello yoga, ma che dipende dalla storia della sua ricezione in Occidente), è il fatto che spesso, per mancanza di conoscenza, viene scambiato esclusivamente per una ginnastica che esercita il suo appeal per il fatto di venire dal “lontano Oriente” e per il fatto che oggi è diventato qualcosa che “bisogna fare” perché tutti lo fanno.

 

dfhhg

 

Tra i vari aspetti che riguardano lo Yoga, c’è n’è uno in particolare che ti sta interessando di più?

Sono combattuta, domanda difficile!

Mi piace ogni aspetto di questa disciplina. Diciamo che in questo momento particolare sono affascinata soprattutto dalla pratica del Pranayama, che ritengo veramente potente ed efficace (approfondisci).

Invece tra le discipline somatiche che sto approfondendo negli ultimi anni e che si intreccia perfettamente con la disciplina yogica, quella che mi sta appassionando di più ultimamente è il Body-Mind Centering, che integro nelle mie lezioni e pratiche.

Ne parleremo magari in un prossimo articolo.

 

 

Iscriviti ai nostri corsi a FISIO LOGIK!

Uno stile che integra principi biomeccanici di allineamento in una pratica attenta e dinamica. Allinearsi con il corpo e con il nostro respiro è che ciò che contraddistingue questa disciplina da un mero lavoro fisico. Significa costruire una forma mentis in grado di farci affrontare qualsiasi postura. Sopra il tappetino, e al di fuori di esso.

 

 

Contattaci!

La nostra insegnante Silvia Zanichelli saprà consigliarti al meglio.

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi